venerdì 28 gennaio 2011

La Paura

C'è che io il tecnico continuo a vederlo, c'è che ho cancellato l'ultimo post in cui gli do del coglione, che non posso basarmi su qualche foto su FB, c'è che ho messo le mani avanti, che ho giudicato senza conoscere, c'è che mi stavo difendendo.
C'è che mi comporto in maniera irrazionale, non mi riconosco negli atteggiamenti che ho con lui, temo di rovinare qualsiasi cosa. C'è che mi piace, e tanto. C'è che ho il terrore di soffrire, c'è che mi sento sola anche se non voglio ammettelo, di una solitudine che ti prende lo stomaco e ti fa bruciare gli occhi.
C'è che ho bisogno di rassicurazioni e non posso pretenderle da chi mi conosce appena, c'è che non so come sia successo che mi sono persa dentro un sorriso, c'è che ho bisogno di una carezza, di un abbraccio, c'è che ho paura di muovermi, ho paura di sbagliare, non riesco a fidarmi, c'è che il problema è mio. C'è che ha spezzato il mio equilibrio e adesso sto male.

Lo ammetto, ho tanta paura

18 commenti:

  1. Abbiamo sempre tanta paura ad affrontare quello che non conosciamo. Poi le persone si rivelano migliori di quello che sembrano in apparenza o in base ad una conoscenza superficiale.
    Tu sei una persona splendida, non dimenticarlo.

    Un bacio cara

    RispondiElimina
  2. vedi Carlotta, è proprio vero che ci leggiamo nel pensiero! quello che tu dici, lo potrei dire anch'io. il problema di quando si è stati feriti è che si perde la fiducia nel prossimo e ci si rinchiude in se stessi, ma poichè la solitudine ci pesa e ci fa soffrire, dopo qualche tempo desideriamo di nuovo poterci fidare di qualcuno. è proprio quello il momento peggiore, quello in cui desideriamo di aprirci e ci viene la paura: paura di sbagliare di nuovo e di venire feriti di nuovo. allora si scappa, ci si difende raccontandoci balle, talvolta funziona e inganniamo noi stessi (la ricordi, no, la storia della volpe e dell'uva?), altre invece rimaniamo a soffrire di una sofferenza diversa, senza capire che cosa è meglio. il fatto è che vivere è di per sè una cosa che fa paura, che fa soffrire, ma non possiamo fare a meno di farlo.

    RispondiElimina
  3. L'avvocatessa direbbe...."nella fattispecie come diceva Carolina pocanzi..."ahahaha si si lei direbbe così e allora capiresti ancora meno. Cmq Carlotta, avere paura è normale ma lasciati andare alle tue emozioni e non pensare se sbaglierai o meno. Vivi il presente e lasciati sorprendere. Togliti il peso delle aspettative, non chiedere troppo né a te stessa né agli altri. Perditi in tutti i sorrisi del mondo, va bene anche così.

    RispondiElimina
  4. C'è che è normale, c'è che ogni persona ha delle porte che ha paura ad aprire, c'è che però ogni tanto bisogna dare spazio alle tele che si intrecciano, c'è che forse bisogna spegnere il cervello per non farsi i film e attraversare quella dannata porta... un abbraccio...

    RispondiElimina
  5. lasciati andare...solo così vivrai questa storia con tutti i se e tutti i ma ..ma la vivrai veramente e in questo modo comunque vada i rimpianti saranno pochi...un abbraccio con la speranza che questo incontro sia quello giusto. ;)

    RispondiElimina
  6. può sembrarti banale ciò che ti dico ma a volte bisogna farlo segui il tuo cuore e non te ne pentirai.....segui il tuo istinto ....segui il tuo pensiero...segui......
    ma la paura e sempre in aguato perchè fa parte di ogni sensazione...
    baci da lia

    RispondiElimina
  7. Tutti in amore abbiamo paura di soffrire...però io ti invito a pensare: la tua situazione attuale ti rende felice? se si non rischiare...se sei insoddisfatta invece ti consiglio di provare per non avere rimorsi. Bacio...

    RispondiElimina
  8. Lasciati sorprendere, dalla vita dalle persone, da tutte quelle cose che negli anni ti sei negata. Forse penserai che è tardi per trovare l'amore, penserai che non puoi permetterti di lasciarti travolgere, incantare, da un sorriso, un volto che colpisce senza ferire, da una persona che inaspettata piomba nella tua vita minando quel muro di berlino fatto di tutte le tue paure, le tue delusioni, le speranze mai osate. Ma in fondo, ne sono sicura, quella parte di te che è rimasta aggrappata a quella Carlotta innocente e genuina che ancora non aveva motivo di diffidare delle persone, ti dice di affidarti alla vita come fanno i bambini, di lasciarti portare dal vento come fanno le foglie, di smetterla di resistere agli altri.
    Io non so cosa sia giusto, non conosco lui e conosco poco pure te, so solo che il rimpianto di non aver vissuto è qualcosa che gela il sangue e indebolisce i cuori, so che le persone non sono fatte per deludere, che se gliene diamo modo, tante volte, ci sorprendono come una folata di scirocco in pieno inverno. So che la tua paura si ingigantisce quando si prospetta la possibilità anche lontana che qualcuno oltrepassi la zona sicura, so che questa paura spesso non è la tua pancia che ti sta dicendo che quella non è una buona persona, semplicemente l'ombra di tutte le tue paure, più ti allontani dal tuo muro, più l'ombra s'ingigantisce. Ma è solo un'ombra, lascia entrare la luce, permettiti di provare ciò che provi, lasciati emozionare come una ragazzina, non scacciare le farfalle dallo stomaco e goditi tutto ciò che questa persona ti vorrà dare; poco importa se sarà un sorriso o qualcosa di più. Se ascolterai la tua voce interiore, qualunque cosa accada, non ti perderai.
    un abbraccio lungo, di quelli che poi ti fanno male le braccia

    RispondiElimina
  9. ah tesoro, c'è che siamo tutti nella tua situazione, come sospesi mi sembra, in attesa di giudizio, con una mano che è pronta ad accarezzare e l'altra a difendersi, c'è che non si può fare a meno di provare quel senso di svilmiento ma neanche l'eccitazione, perchè non vogliamo e non bisogna rassegnarsi e allora, non dicendo nulla di nuovo, ma avendolo fatto più mio, solito rispondere che la vita è una sola ah sì, ripeterlo più volte, la mattina a mente libera, aiuta a definire l'obiettivo, poi, si sa, i sentimenti è materia imprevedibile.

    RispondiElimina
  10. L'amore fa male e fa paura Carlotta,che sia amore per i figli,amore per se stessi e amore per qualcuno...
    Non devi avere paura di ascoltare i battitti del tuo cuore e i segnali che dà il tuo corpo...
    Buttai e prova

    RispondiElimina
  11. Non puoi rinunciare alle persone solo per paura di perderle! Questo rischio ci sarà sempre!

    RispondiElimina
  12. Sono d'accordissimo con Rori: con poche parole ha detto una sacrosanta verità. Ed è sbagliato avere delle aspettative così alte nei confronti di chi conosciamo appena.Non permettere al tuo passato di rovinare tutto...

    RispondiElimina
  13. A tutti, ieri (quando ho scritto il post)ero a terra, ho fatto un errore molto grave a lavoro e poi sì un po' d'ansia ce l'ho..però poi con una bella chiacchierata virtuale con un uomo speciale (che frequenta questo blog, ihih chi sarà?) mi ha decisamente rasserenata ;-)
    ... a volte basta una buona compagnia, no?

    RispondiElimina
  14. ...che bel post, si sente una spontaneità pazzesca.
    Non so cosa sia giusto dirti....però se ti piace davvero il mio consiglio è di rischiare. Certo, cerca di stare coi piedi per terra...poi se viene fuori che ti sei sbagliata qua siamo in tanti a darti una mano a tirarti su, e lui...bhe facciamo sempre in tempo ad picchiarlo ;-)
    Un abbraccio e tanta tanta fortuna!

    P.S.=perderti in un sorriso, cazzo come ti capisco.

    Summ3rw1nd

    RispondiElimina
  15. - Summ3rw1nd, sei troppo carino.. un abbraccio...

    RispondiElimina
  16. Carlotta è davvero un bel post. Hai descritto quello che tutti noi proviamo, non sei sola con questa paura, ansia,solitudine, sono sentimenti che appartengono a tutti noi, credo, alle persone sensibili. Che dire, stai serena e lasciati trasportare dalla vita, si sbaglia tutti sai, ma non per questo bisogna rinunciare a quello che si sente.. un abbraccione e buon fine settimana:):)

    RispondiElimina
  17. Io purtroppo non ho più tanto tempo per seguirti assiduamente...e mi sono persa qualche pezzo. Ma un consiglio posso darlo. La paura è umana...ma ci è stato dato anche il coraggio per affrontarla. Una volta superata, si può rimanere piacevolmente sorpresi, per "la stupidità" della paura che ora sembra piccola e insignificante, ma anche orgogliosi di aver trovato la forza di affrontarla!

    RispondiElimina
  18. Cosa dirti più di quello che ti hanno detto queste persone sensibili? Solo segui il tuo cuore...grazie di aver partecipato al mio candy! Buona vita!

    RispondiElimina

dai, di'la tua!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...