venerdì 8 ottobre 2010

Due pesi due misure

Ultimamente, la mia regione è salita alle cronache per due tristi episodi: un neonato tolto alla madre subito dopo il parto e una donna che ha partorito e ucciso il suo bambino.

La prima, una madre povera, è stata privata del figlio perché “non in grado di mantenerlo”

La seconda, proveniente dalla “Trento bene”, ha partorito e ucciso il bambino, mentre in sala da pranzo il compagno, il padre, il medico di famiglia e altri stavano cenando. Poi l’hanno aiutata a sbarazzarsi del corpo (il medico la gettato nel Tesino). Inizialmente ha detto che nessuno sapeva della gravidanza e nessuno sapeva del parto. La storia è stata scoperta perché la cameriera non riusciva a vivere con il dubbio (le era stato detto che il corpo era di un gatto)

Per la prima mamma, nessuno si è fatto sentire a parte il suo legale. L'hanno lasciata sola. Con una colpa gravissima: un lavoro da 500 euro al mese.

Per la seconda si mobilitano tutti, si è sputtanato ( si io penso che con queste dichiarazioni si sia proprio sputtanato) persino il primario di ginecologia e ostetricia dell’ospedale pubblico cittadino ha dichiarato che è possibile portare avanti di nascosto una gravidanza e anche partorire così velocemente che nessuno se ne accorga. La donna in questione ha 41 anni e un compagno. Ma nessuno si è accorto che era incinta, si vabbè. Nessuno si è accorto che partoriva. Ehm, qualcuno si è mai avvicinato ad una sala parto? ma le urla le avete mai sentite? Ehm certo ci crediamo che nessuno ha sentito....

Perché?

15 commenti:

  1. ciao...gli episodi di cronaca... ti fanno venire una preoccupazione per il tuo futuro, per quella della tua famiglia... Nel caso della mamma che non aveva i mezzi sufficenti mi dispiace perchè dovrebbero cercare di aiutarla e non toglierlo e basta...per la seconda no comment...le farei provare quello che ha provato il suo povero piccino...
    adesso che hai il blog privato non si aggiorna con i nuovi post...ed è un peccato...ma ti capisco e continuerò a seguirti molto volentieri..buon weekend

    RispondiElimina
  2. Purtroppo lo so, ma non avevo alternaTIVE... comq è una soluzione provvisoria, poi tornerà tutto come prima..

    RispondiElimina
  3. non ho parole carlotta,non so che dire,sono cose sconcertanti!

    RispondiElimina
  4. Non ho proprio parole. Quando ho sentito la seconda notizia mi sono posta le tue stesse domande... A volte certa gente supera quei limiti di falsità, ipocrisia, sfacciatagine (e chi più ne ha, più ne metta come si suol dire) che veramente mi toglie ogni pensiero e parola dalla testa.

    RispondiElimina
  5. le tue osservazioni sottolieano il contrasto della logica che oramai è legge.....per il resto resisti la tua indipendenza è vicina! un abbraccio

    RispondiElimina
  6. Carpe diem, Saparunda, Lo non è solo sconcerto, la mia è proprio rabbia. Vedere tutta sta gente che si affanna a difendere la signora "bene" e il medico che ha gettato il cadavere..e nessuno che abbia mosso un dito per l'altra mamma..

    RispondiElimina
  7. Stiamo regredendo come società e il buonsenso ormai, sembra essere sparito. :(
    Ma come si può agire così?
    Mah!
    Ho visto la tua cucina! Grande e bella!
    Spero ti abbiano allacciato il gas e risolto i vari problemi ;D
    Baci

    RispondiElimina
  8. Trovo sconcertante e gravissima la situazione del medico, al pari, se non peggiore di quella della mamma "borghese". Il giuramento di Ippocrate dove lo mettiamo ? Come si è espresso l'ordine dei medici della tua regione ? Non ho seguito queste notizie, non so se per mancanza di attenzione mia o perchè non sono passate a livello nazionale.

    RispondiElimina
  9. Un saluto ed un buon w.e.
    Gio'

    RispondiElimina
  10. Ti ho nominato sul mio blog per un Tag! ^^

    RispondiElimina
  11. evviva riesco a commentare....buongiorno

    RispondiElimina
  12. ahh è assurdo che cose così continuino ad accadere :( che tristezza ;(

    RispondiElimina
  13. Ciao Carlotta, mi hai fatto pensare a quanta strada dobbiamo ancora fare per arrivare finalmente a guardarci con gli occhi dell'uguaglianza e non con quelli della differenza. Un saluto, pia

    RispondiElimina
  14. Ciao Bellissima ! Oggi ho il piacere di esporre il tuo cagnotto nella wunderkammer! Finalmente sono finiti i lavori di restauro !

    RispondiElimina
  15. - Pagnottina, non ho ancora risolto niente purtroppo, ma domani ricomincio a martoriarli ;-)

    - Bimboverde, la seconda notizia è fresca fresca, entrambe sono passate a livello nazionali ma è stato solo un accenno

    - Dual, un saluto anche a te

    - Aluccia, vado a vedere, ma come al solito mi dovrai spiegare ;-)

    - Amoon, ho tolto il blocco ;-)

    - Rely, ancor piu tristi sono i diversi "trattamenti"

    - Pia, uguaglianza è un vocabolo che esiste solo sul dizionario

    - Bimboverde, corro a vedere ;-)

    RispondiElimina

dai, di'la tua!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...