mercoledì 14 settembre 2011


..lo so, sono sparita. Ma sono successe un sacco di cose e la mia testa era altrove. Ho scoperto perché il Principino non voleva andare all’asilo e sono stata malissimo.
Malissimo, perché non ho capito che cosa stava succedendo. Malissimo perché lui non me l’ha detto. Malissimo. Perché ho una rabbia dentro che voi non potete nemmeno immaginare.
Non saprei nemmeno da dove cominciare. Forse dai bambini più grandi che non permettevano ai medi di giocare con lui e lo isolavano. Forse da A., la bambina che picchia tutti i maschi e che in lui per un anno ha trovato la vittima ideale, lui che ogni mattina si alzava sapendo che le avrebbe prese.
O forse dovrei parlare di coscienza. Quella che bisognerebbe mettere in ogni lavoro. E che le maestre di mio figlio non hanno messo nel loro. Forse dovrei parlare del fatto che non hanno visto. O voluto vedere, visto che i grandi sopraccitati sono figli rispettivamente di una loro collega e di una loro amica.
Forse dovrei parlare di come mi sono messa in discussione come madre, credendo che gli atteggiamenti di mio figlio fossero una colpa mia, troppo ansiosa, troppo protettiva..
Forse dovrei parlare del fatto che ho fatto sciroppare a mio figlio 7 settimane di colonia estiva diurna, dalle 8 alle 17, per capire se era lui ad avere problemi a relazionarsi e per abituare me stessa a “lasciarlo” un po’ andare.

Prima di scoprire tutto, prima che alcuni bambini parlassero e raccontassero.

Però posso dirvi cosa sto facendo ora: ogni volta che mio figlio torna a casa con un segno, uno sguardo un po’ triste o solo una lamentela, io la mattina dopo sono sulla porta dell’aula a rompere i coglioni, come un martello pneumatico.

Perché mi sono due anni che mi prendono per il culo (ve le ricordate le ultime udienze?) e adesso e per tutto l’anno loro avranno il mio fiato sul collo e non saranno libere di dire una sola parola perché ne ho ancora un bel po’ di cose da riferire e non intendo fermarmi.

domenica 28 agosto 2011

Daffo e l'oggetto del mio desiderio....

Ciao Daffo! Non hai ricevuto risposta dove? a me non è arrivata nessuna mail.... Sono in ferie bloccata dal mal di schiena, causa tuffi del Principino in piscina...tuffi addosso alla mamma, ovviamente ;-)
Ecco cosa desideravo tanto....

venerdì 12 agosto 2011

Non capisco

...metti fuori il piano ferie e la scrivania si riempie di lavoro. Sono indecisa: l'anno prossimo le chiedo con 6 mesi di anticipo (così forse il lavoro viene dilazionato) e il giorno prima (così li fotto tutti)?

...arriverà anche il 19 agosto...

martedì 2 agosto 2011

Le doti di Carlotta

"mamma ho finito!"
"ti sei pulito con la carta?"
"sì"
"Adesso sei un grande, devi imparare anche a farti il bidè da solo"
"Ma no, che schifo, io mi sporco le mani!"
"...bè e quando la mamma te lo lava, non se le sporca anche lei? no?"
"ma tu sei più brava"

venerdì 29 luglio 2011

Breve aggiornamento

Vorrei essere più presente ma sono sempre di corsa... Non vi ho ancora detto che ho iscritto il Principino ad una colonia estiva diurna vicino al mio ufficio, la mattina partiamo insieme in corriera, ha il suo abbonamento "come i grandi", lo accompagno e vado a lavorare. Quando finisco, passo a riprenderlo. Ero molto agitata i primi giorni, vista l'esperienza disastrosa dell'asilo. Invece oggi termina la quarta settimana e lui è sereno, allegro e molto più vispo. Terminerà il 19 agosto. Poi prenderò un po' di ferie, anche se non andrò da nessuna parte, visto che le finanze piangono. Ma torniamo alla colonia. Ho fatto una bella ricerca finchè non ho trovato questa, gestita da un gruppo sportivo. Ogni settimana ha un tema differente, un giorno alla settimana vanno al lago o in piscina e a settimane alterne è prevista una gita lunga facoltativa (io gliele ho pagate tutte, infatti il poverello oggi è a Gardaland, per la seconda volta, è stato anche una volta al Canevaword, la prossima settimana andrà al Parco Cavour e poi di nuovo al Caneva). Un giorno alla settimana fanno l'acquaday ovvero si gavettonano come disperati, giocano a tennis, a calcio, volley, tamburello, baby dance. 
Insomma, sono soddisfatta della scelta che ho fatto ( e che i miei - incredibile ma vero - hanno capito e accettato senza fiatare).  Vedo mio figlio sereno e socievole, che si alza volentieri, si muove, ha degli amici. 
E questo fa star meglio anche me.

mercoledì 20 luglio 2011

Pier, aiutoooooooooo

... mi serve la ricetta per fare un pesto speciale.... sono certa che tu ce l'hai....

martedì 19 luglio 2011

NONNA CARLOTTA

..non capisco, ne compio 33 e me ne sento addosso 800... qualcuno sa darmi una spiegazione?!

venerdì 15 luglio 2011

Il Faccione di Carlotta

..porta bene. Il Magnifico sono 2 giorni che mi telefona e mi tiene in linea 2 ore. Domenica lo vedo, festeggio con lui, l'amico R., il BelGì, l'amica I.,  l'amica L. e ovviamente il Principino il mio compleanno, in anticipo. Faremo una braciolata, tempo permettendo... 
Scusate se non commento ancora sui vostri blog, ma per me a lavoro questo è un periodo in cui c'è da correre, e devo ancora riprendere il ritmo del "giro dei blog" quindi pazientate ancora un pochino ;-)

Dimenticavo, pensavo di preparare una torta con le Fragole di Zenobia, squisite....

mercoledì 13 luglio 2011

Post cancellato e buoni propositi

1. non stare più zitta
2. dire al Magnifico che la smetta di cercare il blog, confessargli che lo chiamo il Magnifico e se scappa chi se ne fotte.
3. non smettere di pedalare
4. trovare una soluzione ad una serie di problemi, già più complicato ma qualche idea ce l'ho.
5. smettere di fumare (sono una donna debole)

mercoledì 22 giugno 2011

Vi chiedo scusa

POST CANCELLATO PERCHE' MI SONO STUFATA... E POI MI SONO QUASI AFFEZIONATA A STO FACCIONE.

lunedì 23 maggio 2011

Andiamo bene

Sabato sera, complice il caldo, il Principino ed io siamo andati al parco vicino a casa. Appena scesi in cortile, abbiamo in contrato il MIO SECONDO PROBLEMA BIONDO che ha prontamente chiesto ai suoi genitori se poteva venire con noi..
Tutti e tre, ci incamminiamo verso i giochi.
Appena arrivati,  Il Problema Biondo mi guarda e mi fa: " Facciamo un gioco tutti assieme?"
Io e il Principino: " Certo"
PB: "Giochiamo a Strega Comanda Color"
Carlotta: "Va Bene"
PB: "TU FAI LA STREGA"

venerdì 20 maggio 2011

Si cambia direzione

...e si volta pagina.
Aria di cambiamenti nel Giardino, non anticipo nulla ma prometto che sarete i primi a sapere le news.

mercoledì 18 maggio 2011

Ma ti è cresciuta la pancia?????

Certo, quando non c'è mio figlio di 4 anni, c'è il mio direttore di 50 a farmi notare quanto sono carina. Non so, qualcun altro vuole infierire??????

martedì 17 maggio 2011

Per strada

- Mamma, sono ricresciuti i peli?
- Amore, no, non ancora...però, ecco, potresti parlare a voce un po'più bassa?

evidentemente non mi sono spiegata, perchè dopo una frazione di secondo ad un volume che nemmeno l'impianto stereo più tamarro riesce a riprodurre:

- Ma mamma, li hai tolti i peli SOTTO i piedi?

sabato 14 maggio 2011

In teoria

..avreai dovuto tirarvi una menata su quanto io sia diventata noiosa e poco interessante. 
Invece, vi dico che se qualcuno mi fa sentire così, non significa che io lo sia.
Anzi, il problema è suo.

martedì 10 maggio 2011

Il Tempo

Ultimamente passo il tempo a scusarmi con voi per la latitanza, ma mi sembra che il tempo corra troppo veloce e di non riuscire a stare dietro a nulla... Tipo la cena di giovedì... Ho tutto il menu in testa, ma non so se sarò in grado di realizzarlo nei tempi stabiliti. E soprattutto se riuscirà, solo alcune ricette sono "rodate", le altre  sono state prese nel web, spero di farcela ad organizzarmi. Niente di elaborato, anche perchè voglio godermi la serata, quindi ci saranno salatini, pizzette, brioches salate, paninetti, focacce e affettati... solo che adesso non so più se saremo in 7 o in 10 e sono un po' nel pallone... E poi non mi sono dimenticata di  Vittorio che mi ha chiesto le ricette e avrei voluto partecipare al contest di Saparunda ma non ce l'ho fatta, vorrei giornate di almeno 48 ore.. o forse sono io che sto andanda al rallentatore, no so
Aiutoooooooooooooooooo

lunedì 9 maggio 2011

Quella gnocca di Carlotta

.. beh è così che mi sono sentita sabato appena uscita dal parrucchiere, quindi volevo urlarlo al mondo! Quindi provate ad immaginarmi con un chilo di capelli in meno (in volume non in lunghezza) e con un leggero profumo di frutto della passione (regalo del Principino per la Festa della Mamma)...
...state immaginando?... Non ci riuscite? No? 
Allora ve lo dico io, ho sempre la stessa faccia da culo ma sono molto felice, che fa la differenza ;-)
Buon Lunedì a tutti!!

giovedì 5 maggio 2011

E vabbè lo confesso

..ieri, sapendo che mancavano l'Amico R. e il BelGì, ho preso il coraggio a quattro mani e ho scritto una mail al Magnifico, dicendogli che sarei stata in centro in pausa pranzo e se gli andava un caffè. L'impegno era la pedicure (al Principino non è piaciuto lo smalto, non è rosso pompiere). Ha risposto che gli faceva piacere, mi ha lasciato il numero per contattarlo quando ero in zona.  Me la sono menata una vita, però poi mi sono detta "è un caffè mica una dichiarazione, che sarà mai". 
Sono rientrata tardissimo, il caffè è durato tantissimo, così come le chiacchiere, la compagnia è stata davvero piacevole e per un'ora e un quarto ho accantonato i pensieri di un inizio settimana da schifo. 
Il Magnifico è stato brillante, divertente, abbiamo parlato di figli, di genitori invadenti (non immaginate il sollievo di sentire l'esperienza di qualcun altro) e il tempo mi è volato. Non so che impressione si sia fatto lui, ma credo di stargli almeno simpatica. 
Ecco se qui qualcuno pensa che sto per partire in quarta, ecco, ecco, si baglia. Ho scritto questo post perchè volevo scrivere di una cosa bella in questa settimana cominciata male, con un incontro poco piacevole, con una serie di pensieri e di domande che non avranno mai risposta. E' stata una settimana di riflessioni, su di me, su mio figlio, sulle scelte. Una settimana di bilanci. E allora bisogna dire anche quello che succede di positivo.
Succede che finalmente nella mia vita entrano anche le persone belle, a parte i VecchiVeriAmici, come Ma. e la fidanzata Ma., come l'Amico R., la Fidanzata C., e anche il Magnifico e non importa se ci entrano solo come amici, quello che importa è che ci sono.

giovedì 28 aprile 2011

Ehi, se ti do il pelo tu che mi dai?




Quando tuo figlio di 4 anni inizia a parlare ai tuoi amici delle gambe della mamma, urge correre ai ripari: ieri Carlotta è stata dall'estetista insieme ad un PuntigliosoPrincipino che indicava ad una PazienteSara dove passare la cera; tra un succo di frutta e la lettura di un giornalino sui cuccioli sul divanetto, ogni tanto compariva, controllava e si allontanava soddisfatto. Nemmeno fossi stata una scimmia.

domenica 24 aprile 2011

Buona Pasqua (con il mio antipasto)


...pane al pecorino...


..focaccia alle erbe provenzali..

...il mio antipasto...


TANTISSIMI AUGURI A TUTTI!!!

venerdì 22 aprile 2011

Cena Etnica

Straccetti di vitello al curry con zucchine e pomodoro e riso basmati
Con questa ricetta avrei voluto partecipare al contest di Saparunda, ma avevo fretta e ho improvvisato, senza seguire la ricetta e pesare gli alimenti. Sono molto orgogliosa del mio piatto, ho usato solo 2 cucchiai d'olio (eravamo in 3), ho cotto carne e verdure nei wok, mentre il riso l'ho bollito nel brodo vegetale. L'idea mi è venuta perchè ho scoperto che mio figlio impazzisce per il curry. Va bè sorvoliamo sul fatto che non avrei potuto fare un figlio meno trentino del Principino (guai nominargli polenta o carne salada)...poi c'è questa cosa che il cortisone che mi hanno aumentato mi fa venire una fame boia (bè in realtà ce l'ho sempre avuta, ma ultimamente di più) e quindi avevo bisogno di qualcosa che mi saziasse senza farmi aumentare ulteriormente le circonferenze. In più c'era ospite a cena il mio MiglioreAmicoM. ( che replica sabato insieme alla sua fidanzata) e ho provato.... vi dico solo che il quattrenne s'è sparato la porzione della foto...un successo ;-)

giovedì 21 aprile 2011

W LA MAMMA (soprattutto la mia)

..eh certo, perchè se non faccio figuracce da sola, c'è sempre lei pronta a darmi una mano.
Ieri, ad esempio, dopo lavoro mi ha portata a casa M. ( di cui vi ho parlato qui). Dovevo andare dai miei a prendere il Principino e si è offerto di darmi un passaggio. Sotto casa c'è mia madre e glielo presento (cosa che di solito non faccio mai E NON FARO' MAI PIU'). Mia madre davanti a M. " E' quello della maglietta?" (confondendolo con l'Amico R. che la settimana scorsa mi ha prestato una maglietta per motivi che non sto qui a spiegare). Io" Ehm no" M." Signora, questa ragazza ha troppi uomini" Cosa pensate che abbia fatto mia mamma? Smentito? Nooooooooo "Ne basterebbe uno solo" (forse ho un harem e non lo so?). Per fortuna la domanda seguente l'ha posta dopo che M. è ripartito... Confondendolo sempre con Amico R., che ha cambiato la camera e mi ha regalato il suo ex giaciglio se n'è uscita: " E' quello del letto?" Almeno questa, più dura da giustificare, me l'ha risparmiata...

martedì 19 aprile 2011

I Trip Di Carlotta - Dove vorresti vivere?

Cari Lettori,
siccome ultimamente vi propino dei sondaggi senza dare spiegazioni, mi pare il caso di raccontarvi perché ero così curiosa di sapere DOVE VORRESTE VIVERE E PERCHE’.
La settimana scorsa, mentre prendevo il caffè con i Miei Uomini (Amico R., BelGì e Il Magnifico, ma già lo sapete) ho posto loro la stessa domanda. Il Magnifico è partito in quarta “Almeno 6 mesi a Parigi (e qui mi ricorda un certo Cocchiere), poi vorrei avere una casa a Roma e poi ci vuole una casa al mare”.
Io ho detto il nome del mio paese.
Poi siccome io penso sempre DOPO, il giorno seguente ho scritto una mail al Magnifico, in cui spiegavo il Carlotta Pensiero. E adesso ve lo potete sciroppare anche voi. Contenti?

Le domande che mi sono posta: Ma il posto dove uno vorrebbe vivere, non dovrebbe essere un posto che si considera casa? Come si fa a considerare casa un posto dove vivi sei mesi o meno?
Il posto dove si vorrebbe vivere, non è quello dove si sta bene sempre?
Non so se mi spiego, ho detto che mi piace vivere al Paesello, che, credo, non è esattamente - agli occhi di chi mi ascolta - un paradiso. E in realtà non lo penso nemmeno io, che prima di avere il Principino ci tornavo solo a dormire. Sono stata in posti che mi sono piaciuti, dove sono stata bene, da dove non sarei ripartita. Però poi tornare, ecco, tornare è sempre stato bello, sentire che quello è il tuo posto, il posto dove ti senti bene.

Questo, in sostanza, quello con cui ho travolto il Magnifico ( e non stupiamoci che non mi abbia scritto altro, aprire la post@ e trovarsi un Monologo di Carlotta dev’essere un’esperienza devastante)

Però poi, parlando con altri amici, mi sono chiesta cosa fa sì che quel posto sia “il mio posto”? Un ricordo? La persona che amiamo? 

Ovviamente è toccato rispondere anche ad amici e colleghi. Molti hanno risposto che stanno bene dove vivono (nelle verdi valli) e mi sono chiesta se i figli influenzino questa scelta. Piccole comunità in cui tutto funziona bene, dove tutti si conoscono e nel bene e nel male sanno tutto di tutti (e quindi la possibilità di "perdere meno di vista" cosa fanno i nostri ragazzi).

O abbiamo solo paura del cambiamento? 
Tempo fa parlavo con la mamma del mio Problema Biondo e lei mi ha detto " Chissà cosa ti riserverà la vita, magari trovi un fidanzato e tra un paio d'anni vivi a Roma" Eh?? Io?  A Roma? no, non ne sarei capace. Una città così grande, abituata come sono alla mia piccola rassicurante provincia, mi sentirei perduta!

Voi che ne pensate?

lunedì 18 aprile 2011

Buon Lunedì

PRALINE VARIE.
Da sx: Al mascarpone ricoperte al cocco, Cannella&Rum, di nuovo al Mascarpone ma coperti di zuccherini, Bounty, e Praline al Caffè&Noci dell'Amazzonia...

domenica 17 aprile 2011

Una donna finita

..nemmeno mio figlio vuole dormire con me, nemmeno se ha la febbre alta e la tonsillite.
Sto proprio messa bene.

giovedì 14 aprile 2011

Sondaggio!!!

Martedì in pausa pranzo ho bevuto il caffè con i miei uomini  ovvero L'Amico R., il BelGì e il Magnifico.  Ad un certo punto, ho chiesto ad ognuno dove vorrebbe vivere. Non vi anticipo le risposte, in particolare quella del Magnifico, al quale ho già espresso i miei dubbi...Le mie considerazione sono già quasi pronte, adesso aspetto i vostri commenti: 
DOVE VORRESTE VIVERE E PER QUALE MOTIVO?

martedì 12 aprile 2011

15 anni

Aprire la post@ e trovare un mail del Magnifico che mi fa i complimenti per i cioccolatini, bè,  risolleva la giornata. 
Chi ha letto i commenti sotto, sa che l'ho ricevuta ieri, ma l'ho segnata con il fiorellino rosso e adesso mi compare appena accedo ad Hotmail. 
Non scuotete la testa, regredire all'adolescenza mi serve per arrivare in fondo a questa giornata di merda.

domenica 10 aprile 2011

lunedì

questi "cioccolatini nutellosi" me li sono inventata io...domattina li porto ad amico R., che se li mangerà con il Magnifico e il BelGì. Da domani invece mi metterò a dieta, peso davvero troppo, quando me l'hanno detto a Brescia mi sono sentita mancare.. Bè adesso rimuovo il pensiero, via... Buona notte!!

venerdì 8 aprile 2011

parole..parole...parole..

Non so perchè ma in questi giorni, complice una strana malinconia, ripenso spesso a un post, che ho scritto nel 2008 sul vecchio blog e che ho deciso di riproporvi.

"Ultimamente sono un po’sfasata, confondo i giorni della settimana, dimentico le cose… Stamattina ad esempio ero convinta fosse giovedì, che ci fosse la corsa scolastica e ho aspettato al freddo 20 minuti un autobus che non è passato. C’erano -2°C ed ero congelata. Forse per questo mi è venuto in mente un mio ex moroso di tanti anni fa, che mi diceva che non si sarebbe mai dimenticato di scaldarmi le manine… Ho un cassetto pieno di caldi guanti di lana in ogni gradazione di colore, inutile dire com’è finita. Poi c’è stato chi mi riaccompagnava a casa e pochi minuti dopo con un sms mi avvertiva che sarebbe andato a sognarmi. Sì, nel letto di un’altra.
Infine c’è che mi ha detto che gli piaccio come ci sono e parlo a raffica e poi un attimo dopo sto già dormendo, che mi vuole bene eh, che gli piacciono le radioline. Spente suppongo, visto che non si fa più sentire.
Allora stamattina, impalata alla fermata dell’autobus, mi sono interrogata su una cosa: ma le parole non hanno più un significato per nessuno?
Capitemi. Se io dico ad una persona che gli scalderò le manine SEMPRE, che la sto andando a sognare, che le voglio bene..beh per me significa quello che ho detto, che ho piacere di stare con te, che sto bene con te, che ti piaccio come sono.
Invece per la maggiorparte delle persone, le parole sono un suono perso nell’aria, senza significato, una parola o l’altra va bene lo stesso, così come non significano niente i sentimenti di chi a quelle parole ci crede.
Allora per favore trovatemi l’uomo qua sotto, se ne stava su albero vestito di verde e diceva “cra cra”.

Mi voglio fidanzare con lui. Così quando si libererà di me come del sacchetto del pattume, non mi sentirò una stupida romantica credulona, potrò sempre dire che c'erano delle incomprensioni linguistiche"

Alcuni, sotto a questo post, avevano scritto che le parole valgono per il momento in cui vengono dette. ..Voi che ne pensate?

Per chi avesse frainteso o stesse per farlo: il post è stato scritto ovviamente dopo l'ennesima fregatura nel 2008, ma puoi applicarlo anche ad altri contesti. Per dire lamiaexpseudoamicavì mi scriveva sempre che "sei la persona migliore che ho mai incontrato, sei la mia migliore amica" e poi non ha esitato 2 secondi a mettermela nel culo. Qui non si parla di ricerca disperata di un compagno/a, semplicemente del fatto che le molta gente usa le parole a vanvera. Tipo sul lavoro, altro esempio. Ti smazzi, tutti ti dicono che bravo, sei uno che lavora, poi sbagli una volta e da quel momento non vali un cazzo. Ma come? e il lavoro fatto sempre bene? l'alta opinione che avevi di me?

La mia intenzione era di focalizzare il discorso sul (o sulla mancanza totale mancanza di) significato che le persone danno a quello che dicono. Perchè non capisco se dipende dall'importanza che dai a chi hai di fronte o semplicemente non gli frega niente-di -niente a nessuno o hanno ragione i miei ex lettori asserendo che le parole hanno una scadenza.

E, tanto per la cronaca, la definizione "la mia migliore amica" la uso con la stessa parsimonia con cui nella mia vita ho detto "ti amo" (e l'ho detto una volta sola)

Quanto alla realizzazione attraverso un compagno, non mi pare che nessuno qui sia alla ricerca disperata, come gà detto, per quanto mi riguarda sono alla ricerca disperata di riposo, il che significa che ho bisogno si spalamarmi a tempo indeterminato sul letto, possibilmente da sola.

giovedì 7 aprile 2011

Volevo fare un post divertente

Davvero, era la mia intenzione. Volevo raccontarvi che sembra che il Magnifico abbia trovato il blog, e dirgli e dirvi perchè gli ho detto che secondo me lui è polemico e parlarvi della mia teoria sulla (mancanza di) bellezza. Inoltre volevo raccontarvi che ieri nonostante tutto è stata una bella giornata, che ho visitato la mostra di Matisse, che ho fatto una serie di figure di m che avrebbero fatto piegare Guchi dal ridere, ma, davvero, oggi non ce la faccio. Sono molto tesa, forse un po' preoccupata e ancora stanca per la visita di ieri a Brescia, per il lavoro e i mille pensieri che mi stanno passando per la testa, tra cui la nuova terapia che inizierà domani.
Come dice il mio saggissimo Principino "dopo passa"..
A prestissimo.

lunedì 4 aprile 2011

88

..sono gli anni che ha compiuto ieri la mia adorata nonnaLina. Abbiamo fatto un pranzo tutti assieme, con zii e cugini, nella sua casa che ha ospitato noi nipoti per tante estati. Guardare il Principino tanto indaffarato in campagna, ci ha fatto un po' rivivere la nostra infanzia. Ha corso su e giù dal fienile, ha dato da mangiare un quintale d'erba alla coniglietta Lulù, ha gonfiato palloni e ruote immaginarie con un vecchio compressore rotto, è salito sulla bilancia arrugginita su cui non so nemmeno io cosa si pesava tanti anni fa. Al suo fianco sempre Roger, il cucciolo dei miei zii. Chissà quanto gli sarebbe piaciuto vivere gli anni che ho vissuto io, quando lì davanti non ci passava una superstrada, ma c'era solo una distesa infinita di campagna. Quando nella stalla c'erano le mucche e la mattina un camioncino portava via il latte. Quando sull'aia scorazzavano galline e anatre e dietro al fienile c'erano i conigli. Quando mio papà mi prendeva in braccio perchè volevo vedere i maiali dallo sportellino e in alto volavano le colombe dello zioGino. Quando d'estate in ogni paesino nei dintorni c'era la Festa dell'Unità, erano gli anni di Cicale Cicale Cicale, ed era un evento mica da poco: si ballava e si mangiava il riso con le salamelle. Quando a settembre svuotavamo il capannone per fare spazio alle tavolate e facevamo una grande cena con tutti i parenti, vicini e lontani.
Ho detto alla ziaAdriana, la sorella di papà, che forse su internet ho trovato la ricetta per fare "le schiacciatine della ziaCesara"(che poi si chiamava Renata e non ho mai capito perchè nessuno la chiamasse così) e c'è stato un attimo di silenzio e credo che in quell'attimo i pensieri che vi ho elencato sopra abbiano attraversato la mente di tutti...

venerdì 1 aprile 2011

Amici e Premi

Ieri abbiamo avuto un ospite speciale: l’amica ed ex collega L., rientrata a gennaio al lavoro, dopo 2 anni di aspettativa trascorsi in Australia. Abbiamo fatto le ore piccole, avevamo un bell’arretrato di cose da raccontarci. E’ stata una bellissima serata, si è fermata anche a dormire: la prima persona in assoluto che passa la notte in Casa Nuova. Ci siamo trovate dopo lavoro, un po’ di spesa, un caffè e poi a casa con il Principino. Cena e chiacchiere. Ripartirà. Ha deciso di lasciare il lavoro a settembre inizierà una nuova vita in Australia.
Partita senza meta per accontentare quello che nel giro di 2 mesi è passato da fidanzato storico ad ex fidanzato, non si è innamorata subito di quel Paese. Ha girato una po’, poi si è fermata e si è iscritta ad un corso per migliorare l’inglese. Poi ha trovato un master che le interessava e ha chiesto un altro anno di aspettativa. Ha conosciuto studenti di tutto il mondo, è stata in Vietnam, in Giappone, in estate andrà in Cina. Ha conosciuto persone del posto, tra cui G., un nuovo fidanzato.
L’ultima volta che ci siamo viste (un anno fa), ricordo di aver pensato che non sarebbe tornata. Ma poi aveva capitolato, il “posto fisso e sicuro” che l’aspettava, la sua famiglia d’origine, il nipotino nato pochi giorni prima della sua partenza e la storia non ancora così solida da farla sentire pronta a mettersi in gioco.
Poi, diciamocelo, già rientrare da Sidney nella nostra città è un trauma (lo è persino rientrare qui da Bologna, figuriamoci), rientrare al lavoro in un posto così poco stimolante come il nostro, le amicizie che sono rimaste, sì, ma – si sa com’è- quando non condividi più la quotidianità e le vite vanno avanti comunque, soprattutto alla nostra età..chi si fidanza, chi si sposa, chi fa figli..
Insomma ieri sera mi ha detto “me ne vado”. E come non capirla? Mi ha raccontato di come funziona lì il lavoro, la mentalità completamente diversa, le opportunità… e – diciamolo – il paragone, oggi come non mai, non regge.
Poi una come lei sempre in movimento anche quand’era qui, i corsi di apnea, il surf, la vela, che si è laureata lavorando, che è preparata, colta e determinata,  bè in effetti che ci fa in posto così?
E allora buona fortuna, L., mi è dispiaciuto sapere che ti vedrò una volta all’anno, avrei avoluto ci fossero sempre serate come ieri o come quelle che capitavano prima che tu partissi, però sono felice, perché so che in Australia starai bene, che troverai un lavoro che ti gratificherà davvero e poi chissà, magari sarà la scusa buona tra qualche anno per volare fin là..
Per chi volesse spararsi un po’di foto http://emisferoaustrale2009.blogspot.com/


Ne approfitto anche per ringraziare Twins(bi)mamma per questo premio. Come sempre io lo giro a tutti i miei lettori, le persone più belle che ho incontrato negli ultimi anni! A questo punto dovrei dire 7 cose di me…ehm.. vediamo…sono permalosa, emotiva, pigra, leale, piagnona (oh ognuno si sfoga come gli riesce meglio), simpatica (credo) e  AMMETTIAMOLO (Amoon passa a confermare, ti pregooooo) spudoratamente bella ;-)

mercoledì 30 marzo 2011

Vaffanculo

Care maestre,
ieri mi avete detto che mio figlio soffre di un forte disagio all’asilo perché non parla correttamente.
Non è tanto quello che avete detto, ma come me l’avete detto: come se io non mi fossi resa conto di nulla.
Sono uscita dal quella stanza sentendomi la peggiore delle madri: mio figlio stava male ed io non lo vedevo?

Poi però ho pensato una cosa: sbaglio o a gennaio vi ho ripetutamente contattate per fare il punto della situazione? sbaglio o non c’era mai tempo?

Io cos’ho fatto? Sono andata dal pediatra e ne ho parlato con lui, che ha fatto parlare il Principino, si è fatto raccontare di draghi e di Shrek e di principesse, si è fatto interrogare e ha interrogato ed mi ha detto che non riteneva necessario mandare mio figlio dal logopedista.

Ora, care maestre, visto che mettete in discussione anche la valutazione del padiatra, mi spiegate quanto vi fregava del disagio di mio figlio 4 mesi fa, quando vi ho cercate con insistenza?

E soprattutto, care maestre, esiste davvero questo disagio? perché mio figlio quest’anno alla materna viene volentieri, mi racconta dei suoi amici, di quello che fa, di cosa gli piace e cosa no.
Mentre, vi ricordo, l’anno scorso bisognava portarlo a forza e mi tornava a casa pestato un giorno si e l’altro pure (non so se ricordate, voi che fatalità non sapevate mai dirmi com’era successo)

Care maestre, la visita dal logopedista è fissata per venerdì, però lasciatemelo dire: mi auguro che quando vi rivolgete a mio figlio, abbiate un altro tono, perché – che voi ci crediate o meno - il mio timidissimo bimbo parla, parla bene e si impegna a dire le parole che gli riescono male finchè non le pronuncia correttamente.
Voi che dovreste essere educatrici, non avete nemmeno il buongusto, quando non capite, di dirglielo in privata sede e poi date la colpa a me perché alcuni bambini lo prendono in giro, spiegatemi una cosa: ma lì, voi, che cazzo ci state a fare?

martedì 29 marzo 2011

a volte e a posteriori

a volte mi sembra di avere il peso del mondo sulle spalle, a volte vorrei non essere sola quando devo prendere una decisione... a volte mi sento stanca fisicamente e moralmente..

a volte rimango bloccata quando mi dicono qualcosa e ci penso a posteriori...

a volte lascio correre, ma oggi dopo il colloquio con le maestre di mio figlio A POSTERIORI e dopo lunga rimuginazione, ho bisogno di dire loro un sonoro vaffanculo.

domenica 27 marzo 2011

La febbre del sabato sera

..sono uscita a cena, non so da quanto tempo non succedeva!! Bè, diciamolo,  sono uscita con mio figlio mia nonna e il suo compagno, ma è comunque un evento. E mi sono tolta una voglia: pizza con gorgonzola cipolla e tonno. Il bello di essere single.

venerdì 25 marzo 2011

007

Mi sento un James Bond, ma visto che qualcuno è alla ricerca del mio blog, adesso darò qualche soprannome anche alle persone di cui vi parlo. Però ho bisogno di voi. Direi che questi restano l'Amico R. e la Fidanzata C.,  questo il BelGì e adesso....mi serve il vostro aiuto. L'Uomo Incredibilmente Affascinante come lo chiamo?

giovedì 24 marzo 2011

Due Cose #2

1. C'è stata la cena con l'Amico R., Fidanzata C., il BelGì., la mia amica FintaBionda. e... IlMagnifico
2. IlMagnifico. è proprio bellissimo, così "perbene", con quei modi delicati e un fascino incredibile...

Ho cancellato l'ultima affermazione perchè, visto il post seguente, non si sa mai... va bè fare una figura di m. però vediamo di non esagerare..

domenica 20 marzo 2011

Buonanotte

"buonanotte Principino, ti voglio bene"
"anch'io mamma ti voglio bene tanto tanto"
"ma che dolce che sei..sei il mio amore, il mio grande grande amore"
".. ...mamma, ma perchè dici grande?! Io sono un medio. O sono cresciuto?"

mercoledì 16 marzo 2011

Al telefono, stamattina

"Mamma, ancora tu?! io non fazzo la peretta¹. La regalo a Luan ². O te la fai tu"

C'è stato un tempo, nemmeno troppo lontano, che Mamma Carlotta era seriamente preoccupata per il ritardo del Principino nel parlare. 
C'è un tempo, che è ora, che Mamma Carlotta si rende conto che suo figlio ha recuperato alla velocità della luce. E soprattutto si fa capire benissimo.

¹ microclisma
² bimbo di 17 mesi che abita sullo stesso  pianerottolo dei miei

giovedì 10 marzo 2011

Ora esco...

..e vado a testare materassi. Eh mi sono decisa, dopo le ultime notti insonni, a comprare un matrimoniale, spesa che volevo rimandare, visto che ho delle cose urgenti da comprare, ma per quando il Principino non sta bene e vuole venire nel mio letto ( di solito è bravissimo: da quando siamo noi 2 soli, dorme da solo nella sua cameretta) è meglio farmi trovare pronta. E così tra 15 minuti esco da lavoro e vado a provarne alcuni.
Spero solo di non addormentarmi!

mercoledì 9 marzo 2011

Figli, gioie e dolori.

Volevo prenderlo alla sprovvista e dargli un bacetto. Il Principino s'è voltato di scatto e la Vostra Carlotta ha battuto la bocca contro il cranio (di acciaio, credo) del pargolo, nello schianto si è conficcata i denti nella parete interna delle labbra, tagliandola.
Figli: gioie e dolori. Soprattutto dolori. Sopratutto forti dolori. Un bel labbro tumefatto, ad esempio.

lunedì 7 marzo 2011

Preghierina della sera...

... non chiedo molto, solo di poter dormire, dopo una settimana di nottate in bianco con il principino ammalato non ce la faccio davvero più.

venerdì 4 marzo 2011

SONDAGGIO

Mammammmiaaaaa l’ultimo post il 28 febbraio!!! Devo rifarmi, innanzitutto ringraziandovi per i commenti e le mail e i messaggi! Poi vi rassicuro: non sono sparita per la salute ma solo perché mio figlio è di nuovo ammalato e dopo qualche notte in bianco e 8 ore di lavoro, capirete anche voi, facevo fatica a tenere gli occhi aperti, figurarsi se ero in grado di battere sui tasti. Le visite sono andate bene, nel senso che tra un mesetto mi ricoverano per una biopsia, in base alla quale decideranno la terapia più opportuna. Sono preoccupata per il Principino, che in 4 anni non ha mai passato una notte senza di me, sto cercando di spiegargli che la mamma starà via una settimana, al momento si dispera, ma non ho alternative. Del resto mi sono rivolta all’ospedale di un’altra città perché ho 32 anni, sono giovane e merito di avere le cure migliori e lo faccio anche per lui, un po’ di sacrificio nei prossimi mesi, ma una mamma più in forze e più a lungo. Ma basta tediarvi, oggi qui c’è un sondaggio. Lo so, vi sembrerà strano, ma ho bisogno di sapere…

…secondo voi, quale forma e quale colore ha la sfiga? se doveste identificarla in qualcosa di fisico, come ve la immaginate?

lunedì 28 febbraio 2011

Breve aggiornamento


Scusa te l’assenza, ma in questi giorni sono sempre di corsa, le visite a Brescia mi portano via un sacco di tempo, a lavoro devo recuperare e poi ci sono il Principino, la casa da pulire e la sera sono cotta. Domani altro giro in Lombardia, per fortuna mi accompagna l’amica I. almeno mi passa un po’, tra le analisi al mattino e la visita al pomeriggio ho un po’ di tempo, troppo poco per un giro in centro, ma lungo da trascorrere cazzeggiando. E poi così pure I. si distrae, visto il periodo che anche per lei non è dei migliori. Certo che uomini piccoli ce ne sono, eh.

lunedì 21 febbraio 2011

Il BelGì

Ve lo ricordate? no? allora andate QUI e QUI e QUI e QUI
e adesso la notiziona:
...bè, cari, è tornato single!!! Non che me ne freghi, eh, ma certe notizie mi rallegrano la giornata! ( e non mi sento nemmeno stronza mentre ve lo dico)

sabato 19 febbraio 2011

Non è campanilismo..

..è solo che a me è piaciuto. Mi è piaciuto il suo visino fresco, mi è piaciuta la musica, che mi riporta alla mia adolescenza, alle fughe agli afroraduni (lo so, non l'avreste mai detto), mi piace il testo che mi trasmette gioia (e in questi giorni non è cosa da poco). Insomma, penso che come al solito a sanremo non capiscano una fava.

mercoledì 16 febbraio 2011

Si va avanti (II)

Mi spiace se vi ho dato l'impressione, nel post precedente, di essere giù, in realtà non sono particolarmente felice ma nemmeno triste..solo molto stanca, perchè il principino è di nuovo ammalato, mangia poco ed è - palesemente - senza forze. Domani mattina la sveglia suonerà prestissimo...parto per Brescia per delle visite all'ospedale, la prima alle 9 del mattino. Per la prima volta in 20 anni (cioè da quando mi sono ammalata) sono un po' spaventata, non so se è per la spossatezza che spesso mi accompagna, se aver saputo  cos'è successo a R. mi ha suggestionata o solo forse sto invecchiando. Non ridete di quest'ultima affermazione, perchè mi rendo conto che sono diventata molto più paurosa rispetto - che so - a quando avevo 25 anni, o anche 27, per dire. Non volevo angustiarvi, anzi, in realtà il titolo si riferiva a questi:

..i miei paninetti...
tagliatelle di farina di castagne con porri speck  e semi di finocchio

Polpette di vitello con salsa di peperoni (o quello che ne resta dopo il passaggio di mio fratello A.)


martedì 15 febbraio 2011

Si va avanti

In questi giorni sono assente..ma il Principino si è ammalato di nuovo stavolta febbre alta e dolori muscolari. Sono esausta. In più ho il telefono rovente: un’amica che s’è lasciata con il fidanzato e un’altra stanca fisicamente e psicologicamente. E’ la mamma di S. la bambina che ho tenuto a battesimo, nata prematura di solo 1 kg… I, la mamma, è rumena, non ha parenti in Italia. Il suo compagno è calabrese e i famigliari di lui la detestano, non salgono mai ad aiutarla e l’unica volta che lei li ha supplicati perché doveva essere ricoverata e non sapeva come organizzarsi con la figlia maggiore (coetanea del Principino), è salita una cognata che le ha mandato la figlia all’asilo con 39 di febbre, le ha fumato in tutte le stanze della casa e infine si è fatta pagare. E’ stato un anno pesante per I., la piccola S appena nata è stata portata a PD per un’operazione al cuore, ha problemi di tiroide e fa fatica a mangiare. Come se non bastasse, entrambe le bambine quest’anno sono sempre malate. Vive in una zona isolata del mio paese, dalla parte opposta rispetto a dove vivo io e mi dispiace non poterla vedere per un caffè, farle tirare un attimo il fiato, darle un attimo di serenità.
Stasera doveva venire a cena R. la ragazza che divideva con me la stanza in ospedale  apartire dal lontano ’91. Ci siamo ritrovate dopo 10 anni (un tempo capitava di incrociarsi in città). Dieci anni in cui sono cambiate una marea di cose..Lei purtroppo è entrata in dialisi e ci è rimasta per 4 anni che alla sua età (ne aveva 30 all’epoca) devono essere stati lunghissimi. Da due anni ha un rene nuovo, donatole dalla sua mamma. Ci tenevo davvero tanto a rivederla, ma non me la sento di farla venire a casa, un po’ per la salute e un po’ perché da quando ha subito il trapianto sta recuperando il tempo perduto e tra due settimane parte per la Namibia.

E’ un periodo di riflessioni, a tratti di tristezza, però si guarda avanti..

domenica 13 febbraio 2011

A volte

A volte basta così poco. A volte basterebbe solo la verità. E' così difficile?

mercoledì 9 febbraio 2011

Non sono sparita...

..solo ho preso l'abitudine di banchettare tutte le sere ;-), abbiate pazienza..
Ah visto che litigate per le mucche...io non solo ci parlo, ma guardate quante ne conosco ;-)

venerdì 4 febbraio 2011

Vittoria

..ho piagnucolato per una settimana, adesso è ora di riscattarsi. Appurato che me la sono raccontata per 4 anni su come io non mi senta assolutamente sola, che non me ne freghi niente di avere un compagno ecc.. 
Ecco, presa conoscenza e ammesse le mie paure/debolezze, ho pensato che è il caso di concentrarsi su altro. Mi sono regalata l'ultimo lbro di Camilleri, ho sfornato cene per tutta la settimana (e raccolto un sacco di complimenti, tra cui un 10+), ho scoperto di avere intorno tante persone davvero belle e ho deciso che se posso passare in 4 mesi dai surgelati ai piatti fatti incasa, bè posso anche riprendere in mano la macchina da cucire. Ho perso il manuale, ma piano piano ci ho ripreso confidenza.
la strada è ancora lunga, ma intanto sono partita....

mercoledì 2 febbraio 2011

Ubriaca e felice

2 bottiglie di vino e una cena in compagnia di una persona speciale. Grazie, M., per le chiacchiere, per la compagnia e per la positività che mi hai lasciato dentro.
la mia cucina è un campo di battaglia, è troppo tardi per la lavastoviglie, al post sotto rispondo domani, sto crollando..

un'allegra e decisamente alticcia Carlotta

martedì 1 febbraio 2011

Sette sono i Re (e uno il Principino)

Come richiesto da Miwako ecco il Principino in 7 punti:

1- Odia lavarsi, devo lanciarlo nella vasca dopo averlo supplicato per almeno un'ora. E' arrivato a dirmi "io mi piaccio puzzolente", in quello stesso istante mi sono chiesta dove ho sbagliato
2- E' il re dei ruffiani, ne combina di tutti i colori e quando mi arrabbio sgrana gli occhi (avete presente il Gatto di Shreck?) e mi dice "mamma, sei arrabbiata?"  "bella mamma" "mamma mio amore" "mamma sei contenta?" 
3- la sua passione sono i Vigili del Fuoco, sarebbe capace di guardarli per ore, possiede un numero imprecisato di autopompe, jeep e macchinine con i lampeggianti (mi è stato detto che suo nonno - quello che non conosce - è un VVF, chissà se è DNA...)
4- Quando si fissa su un cartone animato, bisogna vederlo e rivederlo almeno 1000 volte consecutive prima che gli venga a noia. Un po' come gli uomini quando guardano la partita: sbragato sul divano con la lattina in mano.
- E' convinto di essere grande, mi ha detto che una mattina devo lasciarlo a casa da solo che cucina lui. Indipendente, eh? Peccato che se deve alzarsi di notte urli "mamma" a squarciagola. O vogliamo parlare di quando fa la cacca che si chiude in bagno e mi dice "stai fuori che sono grande", salvo poi chiamarmi per pulirlo? (eh alle mamme tocca sempre il meglio)
5- Non riesco proprio a togliergli le dita dal naso. Almeno sono riuscita a togliergli l'abitudine di regalarmi in contenuto..
6- Nonostante il caratterino, è un bimbo dolcissimo, capace di grandi slanci di punto in bianco, quando meno te lo aspetti. Mia nonna sta andando un po' fuori e mi si riempie il cuore quando lo vedo che le correi incontro e la bacia e la coccola e vedo quella donna che è sempre stata un po' un gendarme così felice e disarmata ;-)
7-Una cosa che non mi è chiara, è come fa ad essere attratto dai serpenti e aver paura delle mosche....


domenica 30 gennaio 2011

Il mio week end...

Sabato a pranzo, pasta alla crema di peperoni (senza panna)
Le mie prime tagliatelle fatte in casa
Le suddette tagliatelle con funghi speck e panna
Costata crema e frutta
 Cari amici, gli ultimi 2 piatti erano per il tecnico, che però ha tirato pacco, dicendo che la macchina lo ha lasciato a piedi. Forse sarà vero, ma io mi sono sentita come l'11 marzo 2006, quando il padre di mio figlio mi ha chiamata alle 11.00 per dirmi che avremmo pranzato insieme, che sarebbe venuto a prendermi a pausa pranzo.Quel giorno sono uscita da lavoro, sono andata in farmacia e ho comprato il test, visto che avevo tempo, gli ho comprato dei cioccolatini in pasticceria. Sapete come ci si sente ad aspettare qualcuno che non arriva, con un test di gravidanza in borsa e dei cioccolatini in mano? 
Bè per fortuna la giornata è trascorsa veloce, anche perchè ad allietarla c'era uno strano personaggio che si aggirava per casa...


PS: ve lo ricordate questo post?

venerdì 28 gennaio 2011

La Paura

C'è che io il tecnico continuo a vederlo, c'è che ho cancellato l'ultimo post in cui gli do del coglione, che non posso basarmi su qualche foto su FB, c'è che ho messo le mani avanti, che ho giudicato senza conoscere, c'è che mi stavo difendendo.
C'è che mi comporto in maniera irrazionale, non mi riconosco negli atteggiamenti che ho con lui, temo di rovinare qualsiasi cosa. C'è che mi piace, e tanto. C'è che ho il terrore di soffrire, c'è che mi sento sola anche se non voglio ammettelo, di una solitudine che ti prende lo stomaco e ti fa bruciare gli occhi.
C'è che ho bisogno di rassicurazioni e non posso pretenderle da chi mi conosce appena, c'è che non so come sia successo che mi sono persa dentro un sorriso, c'è che ho bisogno di una carezza, di un abbraccio, c'è che ho paura di muovermi, ho paura di sbagliare, non riesco a fidarmi, c'è che il problema è mio. C'è che ha spezzato il mio equilibrio e adesso sto male.

Lo ammetto, ho tanta paura

mercoledì 26 gennaio 2011

Risposta a Barone (scusa il ritardo)

Ciao Barone, scusa se ti rispondo solo ora, ma ultimamente sono stanchissima e - come avrai notato - non sono regolare nemmeno sul blog. Non mi sono dimenticata della tua domanda, tempo fa me l'aveva posta Pier, un po'inaspettata e lì per lì ho risposto che all'inizio mi sarebbe dispiaciuto, solo per il fatto che sogno di diventare vecchia circondata da nipotini. Un motivo un po' egoista, e pure un po' stupido.
Ti rispondo oggi, perchè prima giocavo con lui ed era felice. Ad un certo punto un pensiero mi ha attraversato la mente e ho capito cosa davvero volevo risponderti:  vorrei che nei suoi ci fosse sempre la gioia che ci ho letto stasera. E mi sono resa conto che a me importa solo questo, il resto non conta.

martedì 25 gennaio 2011

lunedì 24 gennaio 2011

Buoni propositi

Scusate per l'assenza, ma ho avuto un week end di fuoco. Sentite, ma a voi capita di fare una lista di buoni propositi e puntualmente fare il contrario? Se si quando? Sempre o vi è successo solo in una determinata occasione? Nel secondo caso, quando? 
Oggi ho voglia di farmi un po'di c...i vostri ;-) anche se potrò leggervi solo pomeriggio/sera, perchè oggi mi cambieranno il pc (ooops)

giovedì 20 gennaio 2011

..and the winner is...


...Carlotta! Eh si cari miei, ieri mi sono portata a casa ben 2 premi!!! Grazie Alias e Claudia!! Io questi premi li giro a tutti i miei fantastici lettori, non potrei sceglierne solo alcuni, per me siete tutti speciali. Grazie.

lunedì 17 gennaio 2011

Risposte parte II

Pier - qual'è la cosa più difficile che hai dovuto affrontare dopo la nascita del principino?
La cattiveria della gente, le domande, la curiosità morbosa, le cattiverie gratuite, le insinuazioni. Sostanzialmente l'ignoranza. In un momento, dopo il parto, in cui si è più fragili.
Potrei raccontare di un suocero che ha trascinato via suo genero che stava scambiando due parole con me mentre i nostri figlio giocavano al parco, perchè la gente - si sa - se può pensare bene o male, pensa sempre male...e , sai com'è, visto che il Principino non è stato riconosciuto SICURAMENTE suo padre è sposato, no? (non lo è, e comunque, fosse anche che sono stata con uno sposato, non è che automaticamente mi piacciono TUTTI gli uomini sposati.
Oppure copiarti cosa anvevo scritto tempo dopo sul mio vecchio blog:

il DECALOGO

Premesso che vivo in un paese, dove ovviamente tutti (o quasi ) ci conosciamo e dove tutti sanno tutto (o quasi) di tutti.
Premesso che mio figlio è stato battezzato e che il prete (volutamente o accidentalmente, devo ancora capire, ma nn importa) ha tuonato dal pulpito per ben 4 messe che ci sarebbe stato il battesimo di Principino B, figlio di Carlotta B., rimarcando il nostro cognome, UGUALE.

Adesso posso scrivere il famoso DECALOGO promesso nel post precedente
 
1.Ma sei sposata? ..non sapevo che fertilità e matrimonio fossero due cose imprescindibili..
2.E il papà del bambino? (ma che cazzo te ne frega) è molto impegnato, lui è un Supereroe, non può certo stare dietro a me e al Pesciolino, è troppo impegnato a salvare il mondo. Gli daranno una Medaglia al Valore Civile (o militare? mumble mumble)
3.Io non l’avrei tenuto (te l’ho chiesto!?) La vita è fatta di scelte…
4.Ma perché suo papà non l’ha voluto visto che è sano? (che cazzo di discorso è??) ..cmq leggi il punto due…  

5.Gli altri bambini te lo prenderanno in giro (seeeeeeee ti piacerebbe, stronza) ..se prendessimo in giro i figli di tutti i separati/divorziati/single non si salverebbe nessuno 
 6.Cosa fai con quel cellulare, tanto chi vuoi che ti cerchi eeheh, più gente di quanta immagini, mentre tu te ne stai lì da sola su una panchina  
7.Poverina (ps. Io questo oggettivo lo cancellerei dai vocabolari) Poverina de che????? Ho fatto un figlio bellissimo, sono una donna LIBERA, libera di crescere ed educare mio figlio come meglio credo senza dovermi confrontare con una persona che disprezzo profondamente. Poverina al limite chi se lo piglia. E cmq poverine sono le donne che magari un marito ce l’hanno, si, ma che le picchia o le mortifica  
8.Poverino (…..) Poverini sono i bambini che non hanno i genitori, che vivono nella povertà, denutriti e malati. Poverini sono i bambini che magari i genitori ce li hanno entrambi, ma vengono maltrattati o ignorati   
9.Ah però è tenuto bene questo bambino (giuro che sono rimasta allibita) Bè, signora sono single, mica vivo in una favela. 
10.Che disgrazia (..prego????) No comment
Ecco, questo è un riassunto, poi ovviamente potrei raccontare di quando mi è stata fatta notare la pelle scura (eh certo, se non è figlio di un uomo sposato, dev'essere figlio di un extracomunitario) di mio figlio, di quando mi è stato detto che le “ragazze madri” sono le donne facili (embè certo, ho fatto tutto da sola, sono Wonder Woman)…ma del resto siamo in Italia, nel nostro parlamento gira gente che dice che i figli di madri sole sono figli di madri non tanto brave.quindi non stupiamoci, anche perché io ho capito una cosa: alla gente piace compatirci. E allora non permettiamolo, un sorriso luminoso davanti ad una cattiveria fa più male di una sberla.
Provare per credere

venerdì 14 gennaio 2011

Buon week end

Ho preparato il ragu e la besciamella e ho fatto le lasagne.. ho preparato le palline di ricotta e cocco..e sono distrutta, ma almeno domani ho un attimo di respiro! Buon week end a tutti!

Risposte - Parte I

Carolina - hai una canzone preferita? quale?
Ne ho tante, a dire il vero, ma la prima che mi è passata per la mente è stata "with or without you" degli  U2, seguita a ruota dal Nessuno di Mina, perchè legata ad un momento con il Principino.
Rori - perchè hai deciso di aprire un blog?
In realtà per un paio d'anni ho avuto un altro blog che ho chiuso perchè ad un certo punto privato e pubblico si sono incrociati, un'amica mi ha tradito, il mio ex pure (con lei) e dopo averli mandati dove dovevano andare, ho deciso di scrivere da un'altra parte, con un altro nome e di portare con me alcuni blogger a cui tenevo. Il motivo per cui avevo aperto il blog è che mi mancava l'aria a casa dei miei, avevo bisogno di un posto che fosse tutto mio, dove sfogarmi, far convergere pensieri e dire anche un sacco di cazzate, insomma tipo andare al pub con gli amici ma virtuale. Credo che sia quello che poi mi ha spinta anche a proseguire, ma da un'altra parte, qui nel Giardino
Bimboverde - Ti sei mai tinta i capelli ? Ti piacciono le scarpe rosse?
Si, quando ero un'adolescente li facevo mogano e dai 20 ai 25 li ho avuti neri. sbarazzarmi di quel colore corvino è stata talmente dura, che ho giurato a me stessa che non ti avrei più tinti finchè non fossere diventati grigi... al momento c'è solo qualche filo ben mimetizzato sotto, per cui tengo duro..
Adoro le scarpe rosse, anche se non ne possiedo nemmeno un paio, ma mi piacerebbero tanto un paio di ballerine rosse magari lucide!!
Carpe Diem - Qual'è il tuo sogno nel cassetto?
se vuoi posso dirti qual'era.. riuscire a finire la scuola che avevo cominciato poco prima di restare incinta e tentare di fare un lavoro che potesse piacermi davvero. Scuola diurna 8 ore al giorno, improponibile riuscire anche a lavorare e star dietro a mio figlio, ho dovuto scegliere.
Daffo - In chi/cosa vorresti reincarnarti?
E qui mi hai mandato in crisi. Ma mi piacerebbe essere una nuvola, vedere il mondo spinta dal vento, sai che panorami???
Summ3rw1nd - sono curioso di sapere che lavoro vorresti facesse il Principino!
Vorrei che facesse un lavoro che ama, che le sue scelte siano spinte dalla passione e che si impegni e che riesca a raggiungere i suoi obiettivi (possibilmente vicino a casa della mamma).
Miwako - Una passione inconfessabile?
Quando ho letto passione ho subito visto tanti tanti abiti...ecco io mi riempirei la casa, la cantina e anche il garage di vestiti, ma non è inconfessabile... poi ho la fissa dei manuali disney (ce li ho tutti!!) e non riesco a resistere senza guardare le vetrine dei negozi di giocattoli (anche prima di aspettare il Principino)

Pier e Barone, voi aspetterete. Avete fatto delle domande che mi costringono a pensare, per cui datemi un po' di tempo ;-)

giovedì 13 gennaio 2011

Copiando Pier...

... anche se non ho fatto nessuna domanda, rispondo a queste di getto:

1 - A 13 anni cosa volevi fare?
la giornalista
2 - Nel migliore dei mondi possibili dovrebbe essere abolita la parola...? 
differenza
3 - Di cosa hai paura? 
di non riuscire ad accompagnare mio figlio fin quando non potrà camminare da solo
4 - All'inferno ti obbligano a leggere sempre un libro: quale
Narciso e Boccadoro di Hesse
5 - Hai il potere assoluto per un giorno: la prima cosa che fai?
scorte di cibo e medicine per tutti i bambini del mondo
6 - Una cosa che non hai mai capito della gente? 
l'indifferenza
7 - Come ti immagini il paradiso? 
puro relax
8 - La tua casa brucia: cosa salvi?
la foto di mio nonno che desideravo tanto ed è saltata fuori quando ci ha lasciati 
9 - Il vero lusso è? 
un lavoro part time, abbastanza ben pagato da permettermi di vivere per potermi godere di più il Principino
10 - Ti rimangono 12 ore di vita: cosa fai? 
sono una mamma, che volete che faccia? non mi stacco nemmeno un istante dal mio bambino
11 - Un posto dove non sei mai stato e vorresti andare? 
l'elenco sarebbe troppo lungo, il primo posto comunque è l'India
12 - Una cosa che volevi e non hai avuto? 
una cosa che avrei voluto e non avrò, un secondo figlio (e magari anche un terzo)
13 - Una domanda a piacere da lasciare nei commenti ...
14 - La cosa a cui tieni di più?
la sincerità
15 - Il tuo maggior successo? 
imparare a stare bene da sola, una volta la solitudine mi opprimeva.
16 - Se ti dico Italia qual è la prima cosa che ti viene in mente? 
vergogna
17 - Tre cose che ami? 
le lasagne con tanta besciamella, le prime luci del mattino, i treni
18 - Tre cose che odi? 
l'odore di baccalà e trippa, l'arroganza, l'egoismo

mercoledì 12 gennaio 2011

Look e complimenti

1. Approfittando dei saldi sono andata da Tezenis e mi sono presa dei vestiti per stare in casa. Ovviamente comodi. Soddisfatta dei miei acquisti, ho buttato tutte le cose vecchie (usavo persino un paio di pantaloni della tuta comprati a fine gravidanza, tanto per dire) e sempre soddisfatta, ho indossato i miei nuovi pantaloni in cotone grigio chiaro, morbidi morbidi.
Lunedì viene a cena M.,il mio migliore amico. Recentemente ha cambiato la macchina fotografica e si è presentato con il suo nuovo gioiellino a casa nostra (ogni anno per il compleanno di mio figlio, mi regala la raccolta di foto e video dell'anno appena passato). Inizia a fare qualche scatto, intanto io preparo la cena. Dopo un po' sento che dice al Principino"volevo fotografare anche tua mamma, ma si è messa i pantaloni della nonna"

2. Siamo sul balcone a fumare una sigaretta e parliamo delle feste appena passate e gli tiro la solita menata se gli sembro ingrassata. Risposta: " No, Carlotta, non sei affatto ingrassata. Ma sai che con qualche chilo in più stai proprio bene, ti sono cresciute anche le tette"

3. Stamattina ho portato mio figlio alla materna, poi mio padre mi avrebbe dato uno strappo a lavoro. Papà parcheggia, ma non riesco a scendere perchè è troppo vicino ad un altra auto. "Papà non ci passo" "Sul serio? Mi sembravi più magra"

Grazie, eh.

martedì 11 gennaio 2011

Merda

Mi ha chiamato il tecnico e mi ha detto che sta per arrivare. Merda. E' un altro. Quando si dice il destino o quando si dice sfiga?

Vado a pranzo..

.. mi devo sbrigare perchè il mio pc ha problemi e aspetto il tecnico. Giuro che non ci ho messo lo zampino.

lunedì 10 gennaio 2011

Rovinarsi crescendo day

 ..eccomi, un po'in ritardo, ma partecipo anch'io all'iniziativa di BimboVerde.. ero un po' indecisa e quindi ne posto un po':

eccomi (quale sono?) Indizio: sul mio libretto pediatrico c'è scritto: "la bambina mostra segni di pinguedine.."
Qui dimostro di conoscere le buone maniere...
Qui volevo a tutti i costi fare la pipì sul prato, nonostante mia mamma che si vede a lato cercasse di convincermi ad andare in bagno.. ah, la libertà...



domenica 9 gennaio 2011

ZERORELATIVO.IT

Sono così felice che se mai ci sarà occasione al Cocchiere io ecco io io io gli offro una cena!!

sabato 8 gennaio 2011

una bella giornata - anche le mamme ogni tanto sbarellano

PROLOGO Domenica scorsa complice un po' lo specchio e un po' il fatto che stavo mettendo in ordine trucchi e pennelli, mi sono resa conto che mi sto un po' trascurando. Insomma è vero che la mia vita è cambiata, ma non è che devo trasformarmi in una sciattona! Allora lunedì mattina, mi sono svegliata, scrub, crema e un velo di trucco: mi pareva di essere un'altra, decisamente meglio.

IL FATTO lo stesso giorno, ientro dalla pausa pranzo e il mio pc suona un'allarme...(in realtà lavoro con un baraccone, ma essendo l'ultima arrivata mi faccio riguardo a chiederne uno nuovo). Chiamo allora l'assistenza e mi dicono che mi manderanno un tecnico e di non usare il computer. Ok. Vado nell'ufficio a fianco e dico ai colleghi :" Oggi esco alle 15.45, dovrebbe arrivarmi il tecnico eventualmente vi lascio la password di accesso".  Nell'attesa che l'assistenza mi mandi il scolito scatafascio (uno più brutto dell'altro, giuro) finisco un po' di cose finchè non sento una voce che chiede di me ai colleghi. Alzo gli occhi e mi trovo davanti un figo da paura. Alto sul metro e ottanta, fisico asciutto, capelli rossicci, bellissimi occhi scuri e un sorriso che mi ha stesa.  Gli lascio la postazine mentre mi chiede qualche info sul rottame che uso per lavorare,  poi si china per controllare il processore e alla Vostra casca l'occhio su su DIOMMMMIOO CHE BEL CULO. Non fate i maliziosi, le mani le avevo già viste, dita lunghe come piacciono a me... Poi lo spettacolo finisce e lui si siede (sigh), guarda il monitor e - indovinate che foto ho come sfondo desktop - mi chiede se quel bel bimbo è mio figlio. Mi chiede quanto anni ha, le solite domande di circostanza. Mi dice che è di Potenza, mi chiede se la conosco e se so dov'è (e qui ringrazio quel rompipalle di Fratello S. che sono anni che mi interroga in geografia). L'intervento va per le lunghe  e gli chiedo se vuole un caffè, lui mi guarda stupito e mi dice di si, grazie. Mi dice che lavora all'assistenza da 6 mesi e che prima ha lavorato in un altra ditta dove lavorava un mio amico che ora si è trasferito in un altra città e che non sento più (merda)  e parliamo di conoscenze comuni. Mi chiede se sono sposata. Rimango pietrificata (che domanda è? sono stata troppo espansiva?). Cerco di non darlo a vedere e rispondo di no, a dire il vero un po' imbarazzata. Lui se ne accorge e mi chiede scusa, dev'essere dura da sola. Mi chiede di dove sono, che l'accento non è trentino. Chiacchieriamo mentre lavora, gli racconto dei miei esperimenti culinari e mi dice" bè quando mi inviti per uno strudel?"  e qui mi prenderi a randellate che non ho mai la risposta pronta MERDA MERDA MERDA DIVENTO TIMIDA QUANDO NON SERVE e quasi mi spiace quando finalmente capisce il problema del pc. Guardo l'ora. 16. 30 (...ehm meno male che dovevo uscire alle 15.45....) Spengo il pc e usciamo insieme, lui pareva che volesse dirmi qualcosa, ho creduto per un attimo che volesse chiedermi il numero, poi mi ha detto :" Allora..se c'è qualche problema chiama mi raccomando" e se n'è andato, mentre io sono salita a timbrare

EPILOGO Ho trovato la sua pagina facebook, sono stata tentata di contattarlo ma non l'ho fatto. Però da lunedì, ogni tanto prenderò a calci il computer...si sa mai...

giovedì 6 gennaio 2011

Un salto in cucina...

Lo so, l'avevate già vista, ma adesso è "vissuta".. e per i più attenti, c'è un Omaggio al Bimboverde e alla sua Wunderkammer: la famosa farfalla della nonna ;-)
Devo cambiare il tavolo e penso che comprerò un carrello da mettere dietro l'angolo (che in foto non si vede), con mooolta calma...

lunedì 3 gennaio 2011

Benvenuti in soggiorno..


Come promesso a Skram inizio a postare qualche pezzo di casa
Ovviamente l'autore del disordine...è quel Principino che con le sue cose si è preso 3/4 di sala...

domenica 2 gennaio 2011

Ebay #2

..navigando mi sono imbattuta nella venditrice di cui ho parlato qualche post fa.... ecco qui l'inserzione , segnalata ad ebay, in cui ho trovato conferma di essere incappata una stupida oltre che scorretta ebayer: come fai a fare un "compralo subito" ad un prezzo superiore rispetto a quello di un oggetto NUOVO in un negozio reale?!
Scommetto che siete stupiti a vedere qual'è l'oggetto dei miei desideri.. ebbene sì, sono decisamente migliorata ai fornelli ;-)

sabato 1 gennaio 2011

Buon anno!!

i miei vicini oltrealle grigliate sul balcone, fanno anche i fuochi d'artificio! Spettacolo!!!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...